Cooperazione sociale: le proposte delle centrali cooperative per risollevare il settore

on . Postato in In primo piano Abruzzo


Partecipano all’incontro i rappresentanti delle tre Centrali Cooperative, i sindacati Cgil e Uil e il Dirigente delle Politiche del Lavoro della Regione Abruzzo, Giuseppe Sciullo, in rappresentanza dell’Assessore regionale Paolo Gatti ( impossibilitato a partecipare ).

Tre sono le proposte che le Centrali cooperative rivolgono ai Sindacati e al Dirigente regionale: la prima è di posticipare le ultime due tranche dell’aumento salariale previste per ottobre 2012 e marzo 2013 dal rinnovo del contratto, siglato il 16 dicembre 2011, rispettivamente a marzo 2013 e gennaio 2014, data la drammatica situazione in cui versano le cooperative sociali dovuta al ritardo, in alcuni casi al mancato, pagamento da parte delle P.A dei servizi erogati; all’emanazione di Bandi di gara con un importo a base d’asta al di sotto del CCNL e alla stretta creditizia delle banche.
Seconda mozione, le Centrali chiedono all’Assessorato alle Politiche Sociali l’emanazione di un regolamento regionale che preveda, per gli Enti e le Amministrazioni, l’obbligo di adottare le tabelle ministeriali per il calcolo dell’importo messo a bando per i servizi sociali e sanitari.
Ultimo punto del documento programmatico l’abolizione, entro la fine del 2012 da parte della Regione Abruzzo, dell’IRAP sulle onlus, in quanto questo tipo di imposta incide in maniera eccessiva e inappropriata nelle organizzazioni che svolgono dei servizi di interesse per la comunità. Prossimo confronto per l’eventuale sigla dell’accordo 22 ottobre alle ore 10.00 sempre presso Legacoop Abruzzo

 

 

Partnership

abitare e anziani cecop cooplavoro diesis iris network