Presidio permanente organizzato dal comitato Il welfare non è un lusso: il rispetto degli impegni

on . Postato in In primo piano Campania

Napoli, da lunedì 26 in corso il presidio permanente degli operatori sociali del comitato "Il welfare non è un lusso": rispetto per gli impegni assunti.

Napoli, 26 marzo 2012 – Dalle prime ore di questa mattina è in corso un presidio sotto palazzo San Giacomo a Napoli organizzato dalle cooperative e associazioni del comitato Il welfare non è un lusso.

Le organizzazioni sociali chiedono il rispetto degli impegni assunti dall'amministrazione comunale il 29 febbraio scorso, nel corso di un incontro dei rappresentanti degli operatori con il sindaco Luigi de Magistris e gli assessori comunali al Bilancio Riccardo Realfonzo e alle Politiche Sociali Sergio D'Angelo a seguito di una manifestazione.

Allora sindaco e assessori avevano promesso che entro 40 giorni avrebbero pagato circa 20 milioni di euro dei progetti cosiddetti "finanziati" (derivanti da risorse nazionali) e un bimestre di arretrati alle case famiglia – la richiesta era di due bimestri - mentre entro la settimana successiva, vale a dire entro il 7 marzo, avevano assicurato che si sarebbe riunito un tavolo tecnico tra le organizzazioni sociali e i due assessorati per monitorare l'andamento dei pagamenti.

«Ad oggi è stata resa nota solo una parte dei pagamenti – spiega Pasquale Calemme, portavoce del comitato Il welfare non è un lusso - ma non è stato mai istituito il tavolo tecnico per monitorare il pagamento dei 20 milioni, ci risulta per l'indisponibilità dell'assessorato al Bilancio. Non è stato dato alcun ragguaglio né sul rientro del debito né sul bimestre alle case famiglia».

«È passato già un mese e l'impegno – conclude Calemme - era di pagare entro 40 giorni: siamo quasi al limite, nel frattempo molti progetti sono in scadenza e non verranno rifinanziati. Resteremo in presidio permanente finché non incontreremo gli assessori e non avremo riscontri concreti».

Da tre anni e mezzo cooperative sociali e associazioni stanno anticipando i costi dei servizi socio-assistenziali: si stima un credito verso il Comune di Napoli di 100 milioni di euro, per servizi a 20mila utenti, tra cui migliaia di anziani e disabili, mentre è a rischio il lavoro di 9mila operatori sociali.

 

Progetto "Web Tg"

on . Postato in In primo piano Campania

Napoli, martedì 27 marzo conferenza stampa di presentazione del progetto "Web Tg": è un'inziaitiva della coop sociale "Il Quadrifoglio".

Partnership

abitare e anziani cecop cooplavoro diesis iris network