QUANDO CHIUDE LA SCUOLA VAI IN VACANZA CON CADIAI

on . Postato in In primo piano Emilia Romagna

 

Bologna, 5 maggio 2014 – Sono aperte le iscrizioni per i centri estivi organizzati dalla Cooperativa CADIAI in diverse zone della città e in alcuni comuni della provincia, per le fasce di età da 1 a 5 anni e da 6 a 11 anni. Un'offerta mirata per le diverse esigenze dei bambini e dei genitori che alla fine della scuola hanno bisogno di affidare i propri figli in luoghi accoglienti e divertenti.

I bambini da 1 a 5 anni, per tutto il mese di luglio ed in alcuni casi anche in agosto, potranno infatti divertirsi e fare nuove esperienze grazie a laboratori, attività all'aria aperta, giochi d'acqua, letture usufruendo degli spazi educativi di alcuni nidi e scuole d'infanzia gestiti da CADIAI.
A Bologna sono coinvolti "Progetto Unosei" per il Quartiere Porto, "Pollicino" nel Quartiere Navile, "Gaia Nido" Quartiere Saragozza e "Abba" per il Quartiere Savena. In provincia "LaCicogna" a San Lazzaro e "Balenido" a Casalecchio di Reno.

Per i bambini più grandi, in età compresa tra i 6 e gli 11 anni, per il mese di luglio si ripete la bella esperienza del centro estivo negli spazi di Villa Serena nel Quartiere Reno. Il programma di attività prevede "tuffi" in piscina e gite di intere giornate in località di svago e approfondimento come l'oasi naturalistica "La Rizza" di Bentivoglio, il centro recupero della fauna selvatica di Monte Adone, la riviera Adriatica e il parco piscina di Monteombraro.
In caso di raggiungimento di un numero minimo di iscritti il servizio resterà aperto anche dal 25 agosto al 16 settembre.

Per agevolare le famiglie, CADIAI offre una scontistica per chi frequenta più settimane o ha più bambini da iscrivere al centro estivo. E' inoltre previsto uno sconto del 20% per i soci e del 5% per i dipendenti sul costo complessivo del servizio.

Per informazioni: www.cadiai .it – 0517419001 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Per il centri estivi 0-5 è possibile rivolgersi direttamente alle strutture coinvolte.